la guerra dei nostri nonni

libri scelti

Umberto Eco
trilogia del secolo
Trilogia Il Sole dell'avvenire
Il libro delle cose nuove e strane
il capitale
numero zero

ultimi arrivi

Il museo dell'innocenza
Tutto James Ellroy
La Paranza dei Bambini
Un Angelo Di Nome Giuda
Non devi dirlo a nessuno
Trilogia Il Sole dell'avvenire
Il nostro scopo NON E' FARE PIRATERIA ma consentire l'accesso alla cultura a chi non può permetterselo. Se potete ACQUISTATE O VISIONATE I libri attraverso i circuiti preposti, così potranno continuare a assere scritti e pubblicati
la guerra dei nostri nonni
Anno:  2014
Autore:  Aldo Cazullo
Pagine:  248
Editore:  Mondadori
Categoria:  STORIA
Altre info:  amazon
Voto:  

La Grande Guerra non ha eroi. I protagonisti non sonore, imperatori, generali. Sono fanti contadini: i nostri nonni. Aldo Cazzullo racconta il conflitto ’15-18 sul fronte italiano, alternando storie di uomini e di donne: le storie delle nostre famiglie. Perché la guerra è l’inizio della libertà per le donne, che dimostrano di poter fare le stesse cose degli uomini: lavorare in fabbrica, guidare i tram, laurearsi, insegnare. Le vicende di croce rossine, prostitute, portatrici, spie, inviate di guerra, persino soldatesse in incognito, incrociano quelle di alpini, arditi, prigionieri, poeti in armi, grandi personaggi e altri sconosciuti. Attraverso lettere, diari di guerra, testimonianze anche inedite, La guerra dei nostri nonni conduce nell’abisso del dolore: i mutilati al volto, di cui si è persa la memoria; le decimazioni di innocenti; l’«esercito dei folli», come il soldato che in manicomio proseguiva all’infinito il suo compito di contare i morti in trincea; le donne friulane e venete violentate dagli invasori; l’istituto degli «orfani dei vivi», dove le mamme andavano di nascosto a vedere i «piccoli tedeschi» che erano pursempre loro figli. Ma sia le testimonianze di una sofferenza che oggi non riusciamo neppure a immaginare, sia le tante storie a lieto fine – come quelle raccolte dall’autore su Facebook– restituiscono la stessa idea di fondo: la Grande Guerra fu la prima sfida dell’Italia unita; e fu vinta. L’Italia poteva essere spazzata via; dimostrò di non essere più «un nome geografico», ma una nazione. Questo non toglie nulla alle gravissime responsabilità– che il libro denuncia con forza – di politici, generali, affaristi, intellettuali, a cominciare da D’Annunzio, che trascinarono il Paese nel grande massacro. Ma può aiutarci a ricordare chi erano i nostri nonni, di quale forza morale furono capaci, e quale patrimonio portiamo dentro di noi.

Intenso... la lettera ritrovata sull'attendente dell'ufficiale morto sull'Ortigara è una pagina di assoluta verità e bellezza che andrebbe letta a tutti i ragazzi delle superiori... Bisogna far comprendere i sacrifici dei nostri "(bis)nonni"... Ma soprattutto bisogna recuperare quello spirito di unione e di fratellanza condiviso tutti coloro che parteciparono al conflitto e che li rese vittoriosi...

Attenzione! togliere la spunta da use download manager in basso alla pagina
e cliccare sul bottone verde

Scarica cliccando qui 

link2

Leave a comment

©Il pozzo dei desideri - Powered and designed by Tyler Durden  Hosting Gratuitocertificazione norton
Scroll to Top