La regola dell'equilibrio

libri scelti

Umberto Eco
trilogia del secolo
Trilogia Il Sole dell'avvenire
Il libro delle cose nuove e strane
il capitale
numero zero

ultimi arrivi

Il museo dell'innocenza
Tutto James Ellroy
La Paranza dei Bambini
Un Angelo Di Nome Giuda
Non devi dirlo a nessuno
Trilogia Il Sole dell'avvenire
Il nostro scopo NON E' FARE PIRATERIA ma consentire l'accesso alla cultura a chi non può permetterselo. Se potete ACQUISTATE O VISIONATE I libri attraverso i circuiti preposti, così potranno continuare a assere scritti e pubblicati
la regola dell'equlibrio
Anno:  2014
Pagine:  280
Editore:  Einaudi
Categoria:  NARRATIVA
Altre info:  google libri
Voto:  

È una primavera strana, indecisa, come l'umore di Guido Guerrieri. Messo all'angolo da una vicenda personale che lo spinge a riflettere sulla propria esistenza, Guido pare chiudersi in sé stesso. Come interlocutore preferito ha il sacco da boxe che pende dal soffitto del suo soggiorno. A smuovere la situazione arriva un cliente fuori del comune: un giudice nel pieno di una folgorante carriera, suo ex compagno di università, sempre primo negli studi e nei concorsi. Si rivolge a lui perché lo difenda dall'accusa di corruzione, la peggiore che possa ricadere su un magistrato. Quasi suo malgrado, Guerrieri si lascia coinvolgere dal caso e a poco a poco perde lucidità, lacerato dalla tensione fra regole formali e coscienza individuale. In un susseguirsi di accadimenti drammatici e squarci comici, ad aiutarlo saranno l'amico poliziotto, Carmelo Tancredi, e un investigatore privato, un personaggio difficile da decifrare: se non altro perché è donna, è bella, è ambigua, e gira con una mazza da baseball.

Ottimo Carofiglio: con il personaggio dell’avvocato Guerrieri più riflessivo e problematico che mai. Un intreccio semplice, lineare, con un finale non particolarmente sorprendente, ma ben costruito. Ottima scrittura, invitante. E solito stile piano, facile e lieve: con momenti di ironia che si alternano ad analisi sottili e ben argomentate sull’etica civile, oltre che professionale di magistrati e avvocati. Certo, qualche pagina, quando l’autore vuole esplorare in tutte le sue implicazioni la questione etica che tocca il magistrato protagonista della vicenda, rischia il tecnicismo giuridico. Ma è un rischio, a mio parere, più apparente che reale: se non ci si lascia distrarre, in quei brevi punti, dall’effetto alone del linguaggio gergale in parte impiegato, la logica e la chiarezza espositiva sono tali che basta un piccolo sovrappiù di attenzione e anche un non esperto di processi e tribunali capisce quel che c’è da capire. La richiesta di una momentanea ‘sollecitazione mentale’ per fare un salto in un campo inconsueto per il lettore ‘comune’ è peraltro ripagata, a me sembra, da qualche riflessione acuta e non banale, che ci si porta a casa, in tema di giustizia ed etica: un ‘guadagno’ magari non scontato e anzi positivamente sorprendente in un genere ‘leggero’ quale appunto è un romanzo, per giunta di ‘semplice’ indagine penale Ben riuscita anche la descrizione della nascita di una nuova relazione affettiva del protagonista con una giovane (brava, intrigante, misteriosa) investigatrice privata. Pare che l’autore abbia gettato il seme di una possibile accoppiata per le prossime (prevedibili) puntate.

Attenzione! inserire le lettere, attendere e cliccare su scarica file

Scarica cliccando qui 

link2

Leave a comment

©Il pozzo dei desideri - Powered and designed by Tyler Durden  Hosting Gratuitocertificazione norton
Scroll to Top